Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Safety
  • Valutazione dei rischi: come gestirla per chi guida mezzi aziendali stradali?
Valutazione dei rischi: come gestirla per chi guida mezzi aziendali stradali?

Valutazione dei rischi: come gestirla per chi guida mezzi aziendali stradali?

Ad oggi, tra le maggiori cause di decesso di persone sane compaiono ancora gli incidenti stradali oltre alle morti bianche, quelle sul lavoro. I numeri non lasciano spazio a dubbi: le vittime si aggirano intorno ai 5.000 l’anno.

Di questo numero fanno parte anche gli incidenti mortali che coinvolgono dipendenti alla guida di veicoli aziendali.

Valutazione rischi e incidenti mezzi aziendali: definizioni

Nel momento in cui un dipendente riveste il ruolo di commerciale per un’azienda, le ore in cui rimane sul mezzo aziendale per andare da un cliente all’altro sono parte integrante dell’orario lavorativo.

Per questa ragione, nel momento in cui il tempo trascorso alla guida potrebbe rappresentare un rischio pe il lavoratore, ecco che tali rischi devono essere inseriti e contemplati nel DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) per garantirne la sicurezza.

Le tipologie di lavoratori incluse in questo specifico ambito sono senza dubbio sia quelle riguardanti coloro che effettuano consegne a domicilio, sia i lavoratori che gestiscono il percorso casa-lavoro a piedi.

Valutazione rischi: la responsabilità verso terzi

Nel momento in cui un lavoratore stia guidando un veicolo aziendale e causa un incidente, molto di rado (se non mai) l’azienda viene chiamata in causa.

In realtà, per rimanere aderenti alla legge e rispettare appieno l’articolo 20 (avere cura di salute e sicurezza delle altre persone presenti), servirebbe tenere in considerazione anche il verificarsi di questa eventualità, sia nella concretezza che nella stesura del DVR.

Valutazione dei rischi: a cosa prestare attenzione

Vista la complessità del tema, è importante porre attenzione a qualche fattore che potrebbe rivelarsi importante per prevenire infortuni e per la stesura del DVR:

  • Caratteristiche psico-fisiche del conducente: si tratta di un fattore di rischio “medio”, da far accertare sempre dal medico competente;
  • Caratteristiche del veicolo: dovrà rispondere ai requisiti di sicurezza richiesti dal Codice della Strada, ma anche a quelle relative al percorso che il veicolo aziendale dovrà percorrere. Resta intesa l’importanza di un piano di revisioni programmate;
  • Regolamentare tempistiche e chilometraggio: avere paletti ben chiari su guida notturna, numero massimo di ore consecutive alla guida o km percorsi e tipo di percorso è una buona precauzione per prevenire il verificarsi di incidenti

Fonte: https://www.puntosicuro.it/valutazione-dei-rischi-C-59/la-valutazione-dei-rischi-per-chi-guida-mezzi-aziendali-stradali-AR-23537/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_content=3&utm_campaign=nl20230729%2BPuntoSicuro%3A+il+meglio+della+settimana%21&iFromNewsletterID=5055

Ultime notizie

Pacchetto sicurezza sul lavoro: innovazioni e misure di salvaguardia

Pacchetto sicurezza sul lavoro: innovazioni e misure di salvaguardia

Il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato uno schema di decreto-legge inerente all'attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che include un pacchetto di misure volte a potenziare la sicurezza sul lavoro. Queste novità mirano a migliorare la qualificazione, introdurre la "patente a crediti", regolare gli appalti e intensificare le ispezioni.

Leggi tutto...

Misure tecnico-strutturali per l'uso sicuro dei carrelli elevatori

Misure tecnico-strutturali per l'uso sicuro dei carrelli elevatori

La scheda di Infor.mo. delinea le strategie per un utilizzo sicuro dei carrelli elevatori, focalizzandosi sulle misure preventive di natura tecnico-strutturale. Queste misure sono cruciali per mitigare i rischi di infortuni e migliorare la sicurezza sul luogo di lavoro. In questo contesto, vengono esaminate varie aree, tra cui viabilità, interferenze, percorsi, radar, accessori, ricarica e DPI (Dispositivi di Protezione Individuale).

Leggi tutto...

Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM

Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM

Con il messaggio 1090 del 14 marzo 2024, l'INPS rende noto le ultime aggiornamenti riguardanti l'Assegno di Inclusione (ADI), focalizzato sul supporto alle famiglie economicamente svantaggiate con anziani e disabili a carico.

Leggi tutto...

Vuoi essere informato sulle ultime novità o ricevere in anteprima offerte e promozioni?

Iscriviti alla newsletter!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti