Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Safety
  • Sorveglianza sanitaria: tra protocolli e responsabilità penali
Sorveglianza sanitaria: tra protocolli e responsabilità penali

Sorveglianza sanitaria: tra protocolli e responsabilità penali

Il medico competente, come da definizione dell’ art. 2 del Decreto legislativo 81/2008 è la figura che deve collaborare con il datore di lavoro  ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto.

Il concetto di sorveglianza sanitaria invece ha una sfumatura leggermente diversa, più in particolare viene come: l’insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa.

Sorveglianza sanitaria: per quali aziende è obbligatoria?

La sorveglianza sanitaria deve necessariamente essere attivata per le aziende che presentano lavoratori esposti ad una qualsiasi tipologia di rischio soggetta a controlli medici periodici indipendentemente dal numero di lavoratori e tipologia di contratto.

Ma chi è il soggetto competente che deve gestire e monitorare la sorveglianza sanitaria?

Ancora lui, il medico competente.

Nel concreto dunque, il Medico Competente pone in essere la sorveglianza sanitaria così come definito dal quadro normativo:

“nella valutazione dell'idoneità specifica del lavoratore alla mansione lavorativa in funzione del rischio che il suo lavoro comporta”.

Ultimo punto da gestire: ogni quanto vanno gestiti i controlli che costituiscono la sorveglianza sanitaria?

La periodicità minima dei controlli è definita dal D.Lgs. 81/08, ma è il Medico Competente che, in virtù della esperienza professionale e dei rischi specifici, stabilisce il contenuto della sorveglianza e valuta se applicare una periodicità più stringente.

Sorveglianza sanitaria e responsabilità penali

Riguardo al tema connesso con la responsabilità penale, il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., considera penalmente rilevante anche la violazione dell’art. 25 comma 1 lett. b in merito alla stesura dei Protocolli Sanitari.

più in particolare dunque il Medico Competente come il datore di lavoro possono incorrere in procedimenti penali nel momento in cui si verifichino le seguenti condizioni:

  • mancato impiego di protocolli specifici calibrati sulla peculiarità del rischio;
  • l’omessa applicazione degli indirizzi scientifici più avanzati per la stesura dei Protocolli Sanitari,
  • il mancato impiego dei quali rende l’esito della sorveglianza sanitaria inutiliter data” (data inutilmente).

 Questo significa dunque che non possono essere presi in considerazione né validati come coerenti ad una buona sorveglianza sanitaria Protocolli che non prendano in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati o che abbiano una compilazione soggettiva.

Fonte: https://www.puntosicuro.it/sorveglianza-sanitaria-malattie-professionali-C-60/la-sorveglianza-sanitaria-protocolli-sanitari-responsabilita-penali-AR-23193/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_content=2&utm_campaign=nl20230401%2BPuntoSicuro%3A+il+meglio+della+settimana%21&iFromNewsletterID=4857

Ultime notizie

Pacchetto sicurezza sul lavoro: innovazioni e misure di salvaguardia

Pacchetto sicurezza sul lavoro: innovazioni e misure di salvaguardia

Il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato uno schema di decreto-legge inerente all'attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che include un pacchetto di misure volte a potenziare la sicurezza sul lavoro. Queste novità mirano a migliorare la qualificazione, introdurre la "patente a crediti", regolare gli appalti e intensificare le ispezioni.

Leggi tutto...

Misure tecnico-strutturali per l'uso sicuro dei carrelli elevatori

Misure tecnico-strutturali per l'uso sicuro dei carrelli elevatori

La scheda di Infor.mo. delinea le strategie per un utilizzo sicuro dei carrelli elevatori, focalizzandosi sulle misure preventive di natura tecnico-strutturale. Queste misure sono cruciali per mitigare i rischi di infortuni e migliorare la sicurezza sul luogo di lavoro. In questo contesto, vengono esaminate varie aree, tra cui viabilità, interferenze, percorsi, radar, accessori, ricarica e DPI (Dispositivi di Protezione Individuale).

Leggi tutto...

Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM

Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM

Con il messaggio 1090 del 14 marzo 2024, l'INPS rende noto le ultime aggiornamenti riguardanti l'Assegno di Inclusione (ADI), focalizzato sul supporto alle famiglie economicamente svantaggiate con anziani e disabili a carico.

Leggi tutto...

Vuoi essere informato sulle ultime novità o ricevere in anteprima offerte e promozioni?

Iscriviti alla newsletter!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti