Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Safety
  • La nuova direttiva UE sulla due diligence per gli obblighi nella catena di fornitura
La nuova direttiva UE sulla due diligence per gli obblighi nella catena di fornitura

La nuova direttiva UE sulla due diligence per gli obblighi nella catena di fornitura

Il percorso e le discussioni della Commissione UE sono stati lunghi ed articolati, ma è dello scorso febbraio la prima bozza di una Direttiva che si propone di regolamentare una serie di buone prassi, fino ad ora lasciate alla volontà dei singoli, riguardanti la catena di fornitura.

Il primo passo concreto proposto dalla nuova Direttiva è quello di mappare, identificare e classificare tutti i rischi che possano essere causa di danni ambientali o sociali all’interno dei vari passaggi della supply chain.

Direttiva UE: i nuovi obblighi

La Commissione UE ha dunque riunito e formalizzato quello che fino ad ora era soltanto un insieme sparso di buone norme o soft law emanate da organizzazioni internazionali.

La due diligence all’interno della supply chain, grazie alla nuova Direttiva UE, riesce a trasformarsi in ufficialità secondo due direttrici principali: si introducono i primi obblighi di analisi e si forniscono veri e propri strumenti metodologici.

Ci sono stati alcuni Paesi che hanno già cercato di introdurre e formalizzare le buone pratiche nella catena di fornitura ancor prima dell’emanazione della Direttiva UE:

  • Il Regno Unito con il suo UK Slavery Act ha reso obbligatorio dal 2015, per alcune organizzazioni selezionate su criteri dimensionali, pubblicare le prassi adottate per prevenire i rischi di sfruttamento dei lavoratori della supply chain.
  • Ha preso esempio dall’esperienza britannica anche l’Australia con il Modern Slavery Actdel 2018, che si concentra soprattutto sulle fasi di reporting e trasparenza per le imprese.
  • Per quanto riguarda l’Europa, significativo l’esempio della Francia con il Modern Slavery Act del 2018, nel quale viene introdotto l’obbligo, per alcune categorie imprenditoriali, di implementare un vero e proprio piano di vigilanza che monitori aspetti anche ambientali e di tutela dei diritti dei lavoratori della supply chain.

Interventi congiunti a livello internazionale hanno poi ulteriormente “acceso i riflettori” sull’importanza della regolamentazione dei fornitori: i due pilastri per quanto riguarda questo argomento sono

  • le linee guida in materia di Responsible Business Conductpromosse dall’OECD.
  • UN Human Rights Councilche a partire dal 2011 ha svolto una attività di importante spinta sul tema della Human Rights Due Diligence.

Dopo l’emanazione della bozza, anche le aziende italiane dovranno adeguarsi alla nuova normativa, producendo report e documenti che attestino la responsabilità e la due diligence adottate in tutte le fasi della supply chain.

Fonte: https://www.csqa.it/Sostenibilita/News/Responsabilita-sociale-e-Catene-di-fornitura,-obbl

Ultime notizie

Gender Gap: l'Italia e il divario di genere

Gender Gap: l'Italia e il divario di genere

Durante la sua 63esima edizione il World Economic Forum (WEF) ha presentato il Gender Gap Report 2022 e la classifica dei Paesi del mondo in merito alla disparità di genere.

Leggi tutto...

Inadeguatezza del POS: le responsabilità del datore di lavoro

Inadeguatezza del POS: le responsabilità del datore di lavoro

L’acronimo POS sta per Piano Operativo di Sicurezza e rappresenta il piano di valutazione rischi inerenti ai cantieri edili. Questo importante documento deve contenere un elenco aggiornato e più dettagliato rispetto a quello presente nel PSC (Piano di Sicurezza e Coordinamento) rispetto all’individuazione di tutte le misure preventive, protettive ed integrative da adottare in cantiere.

Leggi tutto...

Benessere animale: pubblicato il Decreto Ministeriale sulla norma unica di riferimento

Benessere animale: pubblicato il Decreto Ministeriale sulla norma unica di riferimento

Risale a pochi giorni fa la pubblicazione del Decreto interministeriale riguardante il benessere animale approvato dalla Conferenza Stato-Regioni.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti