Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Infortuni sul lavoro e macchine: le nuove direttive

Infortuni sul lavoro e macchine: le nuove direttive

Quando si parla di infortuni sul lavoro molto spesso si deve far riferimento alle macchine utilizzate in cantieri e fabbriche.

Gli incidenti o peggio, le morti bianche, sono spesso da attribuire a dinamiche nelle quali diversi macchinari sono tristi protagonisti.

I sopralluoghi degli enti preposti al controllo, ancora troppo spesso devono rilevare la mancanza dei requisiti minimi delle macchine che non garantiscono alcuna sicurezza al lavoratore e li espongono a gravi pericoli.

Nelle prossime righe cercheremo di analizzare i requisiti e le ultime linee di indirizzo relative a questo delicato tema.

Macchine conformi, non conformi o rese conformi: differenze e protezione dei lavoratori

Proteggere i lavoratori da infortuni gravi o mortali è da sempre una priorità assoluta del Legislatore e le linee di indirizzo per rendere sicure le macchine sono in costante aggiornamento.

Proprio per questo il Gruppo Tematico Macchine e Impianti del Coordinamento Tecnico Interregionale ha recepito le principali normative in materia e ha redatto il documento dal titolo “Linee di indirizzo per l’attività di vigilanza sulle attrezzature” .

Il primo punto è molto chiaro ed è il vero cardine attorno al quale ruota ogni aspetto normativo: il datore di lavoro deve attenersi all’obbligo di garantire la messa a disposizione di attrezzature sicure ai suoi dipendenti.

La commissione dell’Autorità di sorveglianza sul mercato può definire lo stato di una macchina in tre modi differenti: conforme – non conforme – resa conforme.

Nel primo caso la macchina risulta possedere tutti i requisiti necessari a garantire la sicurezza per i lavoratori, pertanto decade la segnalazione di presunta non conformità.

Le macchine rese conformi invece sono quelle per cui l’intervento eseguito è andato a ripristinare i requisiti essenziali di sicurezza (RES).

Naturalmente invece in caso di macchina non conforme, essa dovrà essere oggetto di intervento per cui il fabbricante dovrà necessariamente modificare il macchinario e renderlo idoneo.

Fonte: https://www.puntosicuro.it/attrezzature-macchine-C-45/le-linee-di-indirizzo-per-migliorare-la-sicurezza-delle-macchine-AR-22159/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_content=3&utm_campaign=nl20220409%2BPuntoSicuro%3A+il+meglio+della+settimana%21&iFromNewsletterID=4247

Ultime notizie

Preposti: quali differenze tra quello di fatto e quello individuato?

Preposti: quali differenze tra quello di fatto e quello individuato?

I più recenti cambiamenti sul Testo Unico per la Sicurezza derivano dalla Legge 215 del 2021Tra le norme soggette a chiarimenti da parte del Legislatore, vi è quella relativa alla figura del preposto.

Leggi tutto...

Rischio vibrazioni e nuova direttiva macchine

Rischio vibrazioni e nuova direttiva macchine

La Direttiva 2006/42/CE del 17 maggio 2006 ha determinato la necessità di regolamentare e determinare il livello di emissione di vibrazioni di ogni macchinario introdotto sul mercato.

Leggi tutto...

Testo Unico Sicurezza sul Lavoro: le novità del nuovo allegato VIII

Testo Unico Sicurezza sul Lavoro: le novità del nuovo allegato VIII

La sicurezza sul lavoro è un tema in continuo aggiornamento ed evoluzione da parte del Legislatore che, grazie al recepimento delle ultime normative europee, garantisce quanto più possibile la prevenzione di infortuni ed incidenti sul posto di lavoro.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti