Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Lavoro al computer: tra rischi e prevenzione

Lavoro al computer: tra rischi e prevenzione

Pandemia, smartworking e internet ormai diventato parte integrante di ogni ambito della nostra vita, tutti questi elementi devono farci soffermare su quali rischi siano connessi all’eccessiva esposizione da videoterminale (VDT).

Oltre ai rischi legati alla postura scorretta e all’affaticamento sia fisico che mentale, è importante valutare come tutelare la nostra salute in ambito oculo-visivo.

Per farlo ci viene in aiuto il documento “La sicurezza nell’utilizzo dei videoterminali” redatto dall’Università La Sapienza di Roma.

Videoterminali e occhi: tra accomodazione e adattamento

Un’elevata e prolungata sollecitazione degli occhi e il loro affaticamento può portare diversi tipi di disturbi legati all’eccessiva esposizione a videoterminale.

I più comuni sono: pesantezza, bruciore, rossore e prurito, senza dimenticare cefalea e lacrimazione.

La causa è dovuta all’accomodamento, funzione di “messa a fuoco” affidata ai muscoli ciliari che non viene sollecitata se l’oggetto da osservare è posto a distanza superiore di 50 cm dallo sguardo.

Proprio per questo, è importante posizionare lo schermo a una distanza variabile, tra i 50 ed i 70 cm.

L’altra caratteristica di cui tenere conto è l’adattamento: qui è coinvolta la retina e si tratta della regolazione della sensibilità a seconda dell’intensità della fonte luminosa.

La presenza di fonti di abbagliamento o di aree molto luminose riduce la capacità visiva.

Ecco perché è importante posizionare lo schermo lontano da fonti luminose, come le finestre, posizionate di fronte o alle spalle dell’utente.

Videoterminali e occhi: i principali fattori di rischio

I principali fattori responsabili dei disturbi oculo-visivi correlati al lavoro a VDT sono:

  • Condizioni di illuminamento sfavorevoli
  • Condizioni ambientali sfavorevoli (aria insalubre o umidità dell’ambiente non consona)
  • Postazione di lavoro inadeguata
  • Eccessiva durata del compito visivo

Per una prevenzione efficace di tali disturbi, è quindi importante assicurarsi che la postazione di lavoro sia salubre, idonea e che lo schermo sia posto tra i 50 ed i 70 cm dall’operatore.

Ultime notizie

Infortuni sul lavoro e macchine: le nuove direttive

Infortuni sul lavoro e macchine: le nuove direttive

Quando si parla di infortuni sul lavoro molto spesso si deve far riferimento alle macchine utilizzate in cantieri e fabbriche.

Leggi tutto...

Decreto FER 1 e FER 2: in arrivo le novità per favorire la transizione ecologica

Decreto FER 1 e FER 2: in arrivo le novità per favorire la transizione ecologica

Il Sottosegretario di Stato per la Transizione ecologica, Ilaria Fontana, lo ha annunciato durante un’interpellanza alla Camera: i nuovi Decreti Fer 1 e Fer 2 per lo sviluppo di fonti di energia rinnovabile sono in arrivo.

Leggi tutto...

Trabattelli: gestione e valutazione dei rischi

Trabattelli: gestione e valutazione dei rischi

Definiti anche come “ponti su ruote a torre”, i trabattelli sono attrezzature indispensabili per lavorare in altezza.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti