Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Stare seduti a lungo: quali rischi per la salute?

Stare seduti a lungo: quali rischi per la salute?

Se già in passato molto spesso ci siamo trovati “schiavi della scrivania”, con l’emergenza sanitaria e lo smartworking, senza dubbio la nostra sedentarietà è aumentata.

Anche l’Agenza Europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) ha trattato questo tema di così stringente attualità.

Il documento EU-OSHA

L’Agenzia Europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, in un documento connesso alla recente campagna “La pandemia, il lavoro agile e i rischi del lavoro sedentario” ha analizzato i rischi per la salute derivanti dal mantenimento prolungato di una posizione seduta statica, naturalmente correlata all’attività lavorativa.

La relazione dell’Agenzia Europea (scaricabile qui) , parte dalla definizione di posizione seduta statica, che si dice prolungata quando:

  • Ha una durata pari o superiore alle 2 ore;
  • C’è un basso consumo energetico;
  • C’è un lavoro muscolare statico (quindi uno sforzo fisico per mantenere la stessa posizione)

Il documento prosegue riportando alcuni dati Eurostat 2017 secondo i quali il 39% dei lavoratori della UE svolge il proprio lavoro da seduti.

Il tempo medio stimato in cui si sta alla scrivania è di circa 7,5 ore al giorno, un periodo decisamente troppo lungo rispetto alla garanzia di benessere del nostro corpo.

Secondo un’indagine europea sulle condizioni di lavoro poi, ben il 28% del campione intervistato ha dichiarato di mantenere una posizione seduta per quasi tutto il tempo; il 30% invece resta seduto tra uno e tre quarti della propria giornata lavorativa media.

Interessante notare infine come dai dati emerga che sono proprio le donne a dichiarare di mantenere quasi sempre una posizione seduta per molte ore.

Gli effetti sulla salute della posizione seduta prolungata:

Non sono pochi gli effetti dannosi che si rilevano sulla nostra salute rimanendo seduti troppo a lungo; l’Agenzia Europea per la sicurezza e la salute sul lavoro individua questi come i principali:

  • Lombalgia;
  • Disturbi a collo e spalle;
  • Obesità;
  • Diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari;

Si arriva poi a citare rischi a cui solitamente non si pensa quando si affronta il tema della postura seduta prolungata: da alcuni tipi di tumore a colon e mammella a disagi mentali fino, addirittura, alla morte prematura.

Ultime notizie

Formazione addetti antincendi: tutte le novità

Formazione addetti antincendi: tutte le novità

In base alle misure di gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed emergenza, il datore di lavoro “designa i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, di seguito chiamati «addetti al servizio antincendio», ai sensi dell'art. 18, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, o sé stesso nei casi previsti dall'art. 34 del medesimo decreto”.

Leggi tutto...

Sicurezza antincendio: il nuovo decreto per i luoghi di lavoro

Sicurezza antincendio: il nuovo decreto per i luoghi di lavoro

Il Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (Decreto Legislativo n 81 del 9 aprile 2008) , specifica al comma 3 che i Ministri dell’Interno, del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali adottano uno o più decreti nei quali saranno definiti i criteri necessari ad individuare.

Leggi tutto...

Biogas dagli scarti delle mense: al via il progetto pilota

Biogas dagli scarti delle mense: al via il progetto pilota

La città metropolitana di Milano investe sempre di più sulla sostenibilità. Ha da poco preso il via il progetto che vede protagonisti Milano Ristorazione e Gruppo Cap.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti