Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Quality
  • Carbon e Water Footprint: misurare le performance ambientali
Carbon e Water Footprint: misurare le performance ambientali

Carbon e Water Footprint: misurare le performance ambientali

L’intera totalità dei prodotti utilizzati quotidianamente, di qualunque tipo essi siano generano impatti ambientali lungo il loro ciclo di vita, carbon e water footprint quantificano gli impatti di emissioni di gas serra e di utilizzo delle risorse idriche.

LCA – Analisi del ciclo di vita

Questo calcolo avviene tramite Life Cycle Assessment (LCA – Analisi del ciclo di vita), la metodologia, ormai consolidata a livello internazionale, che analizza le fasi di lavorazione delle materie prime, di produzione, trasporto, commercializzazione e utilizzo e di trattamento a fine vita. Il metodo è standardizzato dalle norme ISO 14040 e ISO 14044. LCA fornisce l’idea dell’impatto ambientale che la realizzazione di un prodotto o un determinato processo produttivo possono apportare, tale impatto è esplicato attraverso una serie di indicatori tra i quali:

  • Emissioni di Gas Serra
  • Acidificazione del suolo e dell’acqua
  • Eutrofizzazione del suolo e dell’acqua
  • Uso del suolo
  • Consumo idrico
  • Emissioni Polveri sottili

Carbon e water

Diversi sono i servizi di certificazione che CCPB srl mette a disposizione basati proprio sull’ approccio LCA tra i quali grande importanza e diffusione hanno proprio:

Carbon Footprint: L’insieme delle emissioni di gas serra (CO2, CH4, Ossido nitroso N2O, Idrofluorocarburi HFCs, Perfluorocarburi PFCs e Esafloruro di zolfo SF) del ciclo vita, attribuibili ad un individuo, un’organizzazione o un prodotto sono denominati Carbon Footprint, (letteralmente impronta di carbonio). La CF è un indicatore espresso in kg di potenziale di riscaldamento globale in un periodo definito, solitamente 100 anni (es. Global Warming Potential – GWP 100) viene espresso in kg di CO2 o di CO2 equivalenti, serve a misurare l’impatto che tali emissioni hanno sui cambiamenti climatici. Lo standard più utilizzato e conosciuto per il calcolo la quantificazione e la certificazione della Carbon Footprint è effettuato seguendo i requisiti della specifica tecnica ISO/TS 14067:2013.

Water Footprint: L’insieme degli impatti sulle risorse idriche generati da un prodotto durante il suo ciclo di vita è denominato invece Water Footprint (letteralmente impronta idrica). E’ un indicatore del consumo di acqua dolce che include sia l’uso diretto che indiretto di acqua da parte di un consumatore o di un produttore. L’impronta idrica di un singolo, una comunità o di un’azienda è definita come il volume totale di acqua dolce utilizzata per produrre beni e servizi, misurata in termini di volumi d’acqua consumati (evaporati o incorporati in un prodotto) e inquinati per unità di tempo. Lo standard più utilizzato e conosciuto per il calcolo la quantificazione e la certificazione della Carbon Footprint è effettuato seguendo i requisiti della specifica tecnica ISO 14046:2014.

Certificazione e marketing

La Carbon e la Water Footprint, si stanno rapidamente diffondendo nel settore agroalimentare come strumenti di conoscenza e miglioramento, ma anche di comunicazione e marketing. CCPB srl monitora attentamente e scrupolosamente tutte le novità nel settore al fine di garantire ai propri clienti dei sevizi sempre più efficienti e d al passo con i tempi.

Ultime notizie

Just Transition Fund: come funziona (se funziona) il fondo per la green economy?

Just Transition Fund: come funziona (se funziona) il fondo per la green economy?

Da diversi mesi si parla di Green New Deal, di Recovery Fund, di Meccanismo Europeo di Stabilità e di Quantitative Easing, di PEPP (Pandemic Emergency Purchase Programme). Di soldi, in sostanza.

Leggi tutto...

COVID-19: cosa fare se i lavoratori non vogliono vaccinarsi?

COVID-19: cosa fare se i lavoratori non vogliono vaccinarsi?

Sono necessarie norme che obblighino i lavoratori a vaccinarsi? Come comportarsi in azienda con i lavoratori che non si vaccinano? Alcune riflessioni e un documento del Consiglio Nazionale Consulenti del Lavoro.

Leggi tutto...

Uni 11716:2018, la norma per la qualifica dei posatori di sistemi a cappotto

Uni 11716:2018, la norma per la qualifica dei posatori di sistemi a cappotto

ICMQ, forte della pluriennale esperienza nel settore e primo in Italia, ha ottenuto l’accreditamento di Accredia ed è quindi in grado di rilasciare certificazioni di conformità alla norma Uni e riconosciute dalla Legge 4/2013.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti