Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Food sustainibility e sprechi alimentari

Food sustainibility e sprechi alimentari

Gli sprechi alimentari sono da sempre un problema condiviso e riconosciuto a tutti i livelli. Nonostante questo, la FAO (Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite), nel suo ultimo rapporto, ha descritto un quadro piuttosto grave sugli sprechi alimentari evidenziando le dimensioni del fenomeno.

Lo studio condotto dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite ha evidenziato i numeri della problematica globale dello spreco alimentare, che evidenziano le dimensioni del fenomeno e che tutti dovrebbero conoscere considerando che combattere lo spreco di cibo e offrire sicurezza alimentare di fronte ai cambiamenti climatici è una delle maggiori sfide della nostra epoca.

Quali sono i fattori più importanti da conoscere?

  • Circa un terzo del cibo prodotto nel mondo per il consumo umano ogni anno (1,3 miliardi di tonnellate) viene sprecato
  • I paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo dissipano all’incirca le stesse quantità di cibo – rispettivamente 670 e 630 milioni di tonnellate
  • Ogni anno, i consumatori dei paesi ricchi sprecano quasi la stessa quantità di cibo (222 milioni di tonnellate) dell’intera produzione alimentare netta dell’Africa subsahariana (230 milioni di tonnellate)
  • Grandi quantità di cibo sono sprecate a causa di Standard di Qualità che enfatizzano l’aspetto nella vendita al dettaglio
  • La perdita di cibo si traduce in un grande spreco di risorse, tra cui acqua, terra, energia, lavoro e capitali. Inoltre lo spreco di cibo produce emissioni di gas serra, contribuendo al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici

Il settore agroalimentare e la Responsabilità Sociale

Uno degli ostacoli da superare per realizzare gli obiettivi preposti dall’agenda internazionale dei Sustainable Development Goals è quello di non considerare la responsabilità sociale e le attività di settore delle aziende come due mondi separati. Infatti soltanto inglobando la sostenibilità alle strategie corporate è possibile perseguire gli obiettivi della comunità internazionale.

A questo scopo, il futuro standard ISO 26030 – Sviluppo Sostenibile e Responsabilità Sociale – (ora in via di sviluppo), fornirà le linee guida per l’utilizzo della ISO 26000 - Responsabilità Sociale - per integrare le questioni centrali della responsabilità sociale all’interno della filiera agroalimentare, al fine di armonizzare su scala internazionale i differenti approcci finora utilizzati.

Tra gli obiettivi che mirano a contribuire alla realizzazione dei Goals, c’è anche il supporto alle organizzazioni su come operare in una maniera etica e trasparente che contribuisca allo sviluppo sostenibile.

Saturno srl - divisione Laboratorio è a vostra disposizione per accompagnarvi alla certificazione in oggetto.

Ultime notizie

Insalata e verdure crude pronte, meglio lavarle di nuovo: batteri patogeni nel 5% dei campioni

Insalata e verdure crude pronte, meglio lavarle di nuovo: batteri patogeni nel 5% dei campioni

L’Istituto tedesco per la sicurezza alimentare, il BfR, invita i consumatori a lavare sempre l’insalata e le altre verdure crude vendute pronte, perché il confezionamento industriale e i relativi trattamenti non escludono la possibilità che siano presenti specie batteriche pericolose, comprese quelle resistenti agli antibiotici.

Leggi tutto...

Manutenzione impianti di rivelazione incendi

Manutenzione impianti di rivelazione incendi

Il mantenimento delle condizioni di efficienza degli impianti di rivelazione e segnalazione incendio compete al titolare dell’attività che deve provvedere alla continua sorveglianza, al controllo e ove necessario alla manutenzione dell’impianto stesso, in linea con le norme di buona tecnica vigenti e con le istruzioni del fornitore.

Leggi tutto...

Cybersecurity Act: nuove norme in arrivo su certificazione dei prodotti e servizi ICT

Cybersecurity Act: nuove norme in arrivo su certificazione dei prodotti e servizi ICT

Dopo l’approvazione della Direttiva NIS nel 2016 - trasposta in Italia dal D.Lgs. 65/2018 - le istituzioni europee si apprestano ad adottare ulteriori misure intese a rafforzare la sicurezza cibernetica nell’Unione Europea.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti