Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Integrated
  • Cessione del credito: dall’Agenzia delle Entrate chiarimenti su dolo e colpa grave
Cessione del credito: dall’Agenzia delle Entrate chiarimenti su dolo e colpa grave

Cessione del credito: dall’Agenzia delle Entrate chiarimenti su dolo e colpa grave

Come e quando è possibile sanare gli errori commessi nelle comunicazioni per non perdere le agevolazioni? Quali sono i casi, in concreto, di dolo e colpa grave?

A queste domande risponde l’Agenzia delle Entrate con la circolare 33/E/2022.

Cessione del credito, dolo e colpa grave

Partendo dalla considerazione per cui la fattispecie di colpa lieve non rientra tra le casistiche possibili, per comprendere la nozione di dolo si deve fare riferimento al D.lgs. 472/1997 e alla circolare 180 /1998. Sulla base di queste norme, si considera dolosa la violazione diretta consapevolmente all’evasione.

Per quanto riguarda invece la colpa grave, essa si verifica nei casi in cui sia presente imperizia o negligenza del comportamento.

L’Agenzia delle Entrate poi distingue il grado di colpa in base all’attività professionale svolta.

Cessione del credito: esempi di dolo e colpa grave

Nella circolare, l’Agenzia delle Entrate riporta alcune fattispecie di dolo e colpa grave a titolo esemplificativo:

  • Dolo: ricorre quando il cessionario è consapevole dell’inesistenza del credito
  • Colpa grave: si verifica quando il cessionario omette, in termini macroscopici, la diligenza richiesta, ad esempio se l’acquisto dei crediti è eseguito in assenza della documentazione richiesta o in presenza di una palese contraddittorietà della documentazione prodotta dal cedente

Più in particolare, per quanto riguarda le cessioni del credito relative al Superbonus, la responsabilità solidale scatta solo in caso di dolo o colpa grave.

Per gli altri bonus edilizi la responsabilità è limitata ai casi di dolo o colpa grave solo per le cessioni effettuate dopo il 12 novembre 2021, cioè dopo l’entrata in vigore del Decreto “Antifrode”, che ha introdotto l’obbligo del visto di conformità e dell’asseverazione della congruità delle spese per chi sceglie lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Fonte: https://www.edilportale.com/news/2022/10/normativa/cessione-del-credito-quando-c-%C3%A8-dolo-o-colpa-grave-e-come-sanare-gli-errori_90819_15.html

Ultime notizie

Datore di lavoro di fatto: i criteri di accertamento

Datore di lavoro di fatto: i criteri di accertamento

La sentenza prende le mosse da un evento spiacevole che ha generato un infortunio sul lavoro. Il dipendente di una struttura ricettiva era stato incaricato di accendere il fuoco in occasione di una grigliata all’aperto, su un terreno poco distante dalla struttura, per gli ospiti.

Leggi tutto...

Nuovi acciai autorizzati per il contatto con il cibo negli imballaggi. L’aggiornamento normativo del Ministero della Salute

Nuovi acciai autorizzati per il contatto con il cibo negli imballaggi. L’aggiornamento normativo del Ministero della Salute

Il Decreto precedente era datato 21 marzo 1973 e recava l’intestazione «Disciplina igienica degli imballaggi, recipienti, utensili, destinati a venire a contatto con le sostanze alimentari o con sostanze d’uso personale».

Leggi tutto...

Superbonus villette al 90%: le ultime novità legislative

Superbonus villette al 90%: le ultime novità legislative

Il quadro legislativo di riferimento è rappresentato dal cosiddetto “Decreto aiuti quater”, diventato legge e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27 gennaio 2023.

Leggi tutto...

Vuoi essere informato sulle ultime novità o ricevere in anteprima offerte e promozioni?

Iscriviti alla newsletter!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti