Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Environment
  • Ambienti sospetti d’inquinamento: la verifica della qualità dell'atmosfera
Ambienti sospetti d’inquinamento: la verifica della qualità dell'atmosfera

Ambienti sospetti d’inquinamento: la verifica della qualità dell'atmosfera

Cause degli infortuni mortali negli ambienti confinati: gli infortuni negli ambienti sospetti d’inquinamento o confinati (d’ora in poi solo ASIC), si caratterizzano per essere la prima causa di morte multipla sul lavoro.

Le cause di questi tragici eventi sono sempre da ricercare:

  • nel mancato rispetto delle norme di legge vigenti, previste dagli artt. 66 e 121 ed allegato IV, p. 3 del D. Lgs. n° 81/2008
  • nel mancato rispetto delle procedure, istruzioni, ecc., per i lavori in ambienti sospetti d’inquinamento o confinati, adottate da tempo un po’ in tutti i settori industriali e non
  • nella percezione inadeguata del rischio esistente da parte degli addetti, perlopiù appartenenti a piccole e piccolissime imprese, quasi sempre collocate alla fine della catena del subappalto, incaricate di effettuare interventi di manutenzione, riparazione, ispezione, controllo, pulizia, ecc. in ambienti sospetti d’inquinamento o confinati
  • nella mancanza di informazioni pertinenti e adeguate al particolare contesto in cui il lavoro deve essere eseguito
  • nella mancata organizzazione e pianificazione dell’attività che spesso sfocia in una vera e propria improvvisazione nell’esecuzione della stessa

La qualità dell’atmosfera in un ASIC

Al fine di garantire l’accesso e la permanenza in sicurezza per l’esecuzione dei lavori all’interno di ASIC, è essenziale assicurarsi che l’atmosfera al suo interno non costituisca un pericolo per gli addetti.

Per chi è preposto alla gestione di tale attività, è fondamentale conoscere, tra l’altro, quali debbano essere i criteri da seguire per poter ritenere fruibile in sicurezza l’ASIC durante tutta le fasi di lavoro a partire dall’autorizzazione all’accesso.

Innanzi tutto, bisogna aver piena consapevolezza di quando sia necessario eseguire il controllo dell’atmosfera all’interno dell’ASIC.

Ciò deve essere previsto nella specifica procedura di sicurezza per eseguire i lavori; essa deve contenere le specifiche previsioni per effettuare il monitoraggio relativo alla “qualità” dell’atmosfera presente nell’ASIC.

La tabella del NIOSH, ancorché datata, fornisce un utile riferimento.

Tabella di classificazione del NIOSH 80-106

Tabella di classificazione del NIOSH 80-106

Per ogni chiarimento non esitate a contattare lo Studio Bini engineering srl.

Ultime notizie

Formazione addetti antincendi: tutte le novità

Formazione addetti antincendi: tutte le novità

In base alle misure di gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed emergenza, il datore di lavoro “designa i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, di seguito chiamati «addetti al servizio antincendio», ai sensi dell'art. 18, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, o sé stesso nei casi previsti dall'art. 34 del medesimo decreto”.

Leggi tutto...

Sicurezza antincendio: il nuovo decreto per i luoghi di lavoro

Sicurezza antincendio: il nuovo decreto per i luoghi di lavoro

Il Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (Decreto Legislativo n 81 del 9 aprile 2008) , specifica al comma 3 che i Ministri dell’Interno, del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali adottano uno o più decreti nei quali saranno definiti i criteri necessari ad individuare.

Leggi tutto...

Biogas dagli scarti delle mense: al via il progetto pilota

Biogas dagli scarti delle mense: al via il progetto pilota

La città metropolitana di Milano investe sempre di più sulla sostenibilità. Ha da poco preso il via il progetto che vede protagonisti Milano Ristorazione e Gruppo Cap.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti