Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Safety
  • Prevenzione incendi: come progettare la gestione della sicurezza?
Prevenzione incendi: come progettare la gestione della sicurezza?

Prevenzione incendi: come progettare la gestione della sicurezza?

La gestione della sicurezza antincendio, rappresenta “una misura antincendio fondamentale che, pur non prevedendo gli interventi di carattere impiantistico/strutturale richiesti invece dalle altre misure antincendio”, necessita comunque di “un accurato studio preventivo e di un'attenta progettazione, documentabile in una specifica relazione tecnica, nonché di una fedele attuazione pratica”.

 Oggi ci soffermiamo sui seguenti argomenti:

  • Sicurezza antincendio: la progettazione della gestione della sicurezza
  • Gestione della sicurezza nell'attività in esercizio
  • Gestione della sicurezza: la preparazione all'emergenza

Sicurezza antincendio: la progettazione della gestione della sicurezza

L’argomento in questione indica che una corretta progettazione “implica uno scambio di informazioni tra progettista e responsabile dell'attività. E il processo progettuale deve essere esplicitato nella relazione tecnica. Tutte le informazioni indispensabili al responsabile dell'attività per la gestione della sicurezza antincendio durante il normale esercizio ed in emergenza devono essere elencate in apposita sezione della relazione tecnica”.

Si indica che nella relazione tecnica “devono essere documentate:

  1. limitazioni d'esercizio dell'attività (es. tipologia degli occupanti, massimo affollamento dei locali, tipologia degli arredi e dei materiali, massime quantità di materiali combustibili stoccabili, …) assunte come ipotesi della progettazione antincendio durante la valutazione del rischio di incendio e la conseguente identificazione dei profili di rischio dell'attività;
  2. indicazioni sulle misure antincendio specifiche per la tipologia d'attività, risultanti dalla valutazione del rischio di incendio;
  3. indicazioni sulla manutenzione ed il controllo periodico dei sistemi rilevanti ai fini della sicurezza antincendio;
  4. indicazioni sul numero di occupanti, sul livello di formazione ed addestramento richiesto per il personale o per gli addetti al servizio antincendio in riferimento a particolari scelte progettuali di sicurezza antincendio. 

Gestione della sicurezza nell'attività in esercizio

Il documento sottolinea che la corretta gestione della sicurezza antincendio in esercizio “contribuisce all'efficacia delle altre misure antincendio adottate”. E la gestione della sicurezza antincendio durante l'esercizio dell'attività deve prevedere almeno:

  • la riduzione della probabilità di insorgenza di un incendio, adottando misure di prevenzione incendi, buona pratica nell'esercizio e programmazione della manutenzione;
  • il controllo e manutenzione di impianti e attrezzature antincendio;
  • la preparazione alla gestione dell'emergenza, tramite la pianificazione delle azioni da eseguire in caso di emergenza, esercitazioni antincendio e prove d'evacuazione periodiche. E la pianificazione “deve prevedere tutte le azioni fino al ripristino delle condizioni di sicurezza dell'attività.

Gestione della sicurezza: la preparazione all'emergenza

Concludiamo con qualche indicazione sulla preparazione all'emergenza.

Segnaliamo che la preparazione all'emergenza, nell'ambito della gestione della sicurezza antincendio, si esplica:

  • tramite pianificazione delle azioni da eseguire in caso d'emergenza, in risposta agli scenari incidentali ipotizzati;
  • nelle attività lavorative, con la formazione ed addestramento periodico del personale addetto all'attuazione del piano d'emergenza e con prove di evacuazione. La frequenza delle prove di attuazione del piano di emergenza deve tenere conto della complessità dell'attività e dell'eventuale sostituzione del personale impiegato.

Si indica, inoltre, che la preparazione all'emergenza “deve includere planimetrie e documenti nei quali siano riportate tutte le informazioni necessarie alla gestione dell'emergenza, comprese le istruzioni o le procedure per l'esodo degli occupanti, indicando in particolare le misure di assistenza agli occupanti con specifiche necessità”. 

Infine in prossimità degli accessi di ciascun piano dell'attività, devono essere esposte:

  1. planimetrie esplicative del sistema d'esodo e dell'ubicazione delle attrezzature antincendio;
  2. istruzioni sul comportamento degli occupanti in caso di emergenza.

Ultime notizie

Decreti controllo e formazione per l’antincendio: la circolare dei Vigili del Fuoco

Decreti controllo e formazione per l’antincendio: la circolare dei Vigili del Fuoco

Con la circolare 14804 del 6 ottobre 2021, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha riportato i primi chiarimenti sul cosiddetto “decreto controlli”.

Leggi tutto...

La verifica dell'idoneità tecnico-professionale dell'impresa affidataria. Parola alla Corte di Cassazione

La verifica dell'idoneità tecnico-professionale dell'impresa affidataria. Parola alla Corte di Cassazione

La sentenza è la n 43604 del 21 novembre 2021 e proviene dalla III Sezione penale della suprema Corte di Cassazione.

Leggi tutto...

Sostenibilità e sviluppo equo: presentato il nuovo programma di Granarolo per la transizione ecologica

Sostenibilità e sviluppo equo: presentato il nuovo programma di Granarolo per la transizione ecologica

Si chiama Intensificazione Sostenibile ed è uno degli obiettivi identificati dalla FAO: si tratta di riuscire a conciliare l’incremento di produzione con un miglioramento delle performance ambientali, invitando le aziende a gestire un programma di transizione tecnologica ed ecologica.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti