Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Benessere termico: la valutazione del discomfort locale

Benessere termico: la valutazione del discomfort locale

La norma tecnica UNI EN ISO 7730 "Ergonomia degli ambienti termici - Determinazione analitica e interpretazione del benessere termico mediante il calcolo degli indici PMV e PPD e dei criteri di benessere termico locale" consente "la determinazione analitica e l'interpretazione del benessere termico mediante il calcolo del PMV (predicted mean vote - voto medio previsto) e del PPD (predicted percentage of dissatisfied - percentuale prevista di insoddisfatti) e dei criteri di benessere termico locale, fornendo le condizioni ambientali considerate accettabili per il benessere termico globale così come quelle che rappresentano il disagio locale".

Dunque accanto all’indice PMV che, associato al bilancio energetico del corpo umano, è un indice intrinsecamente globale, la norma UNI EN ISO 7730 contiene anche indici di comfort/discomfort locale.

Nel documento si indica che il discomfort locale è “legato alla limitazione degli scambi termici localizzati in specifiche aree, ovviamente superficiali, del corpo umano”. E se la situazione ottimale “si raggiunge annullando ogni possibile causa che possa indurre nel soggetto sensazioni di discomfort”, nella norma UNI EN ISO 7730 si fa riferimento a quattro diversi fattori di discomfort “locale” legati alla presenza di:

  • correnti d’aria
  • differenze verticali di temperatura
  • pavimenti con temperatura eccessivamente alta o bassa
  • asimmetrie radianti

Appurata l’applicabilità del metodo PMV mediante il rispetto di alcune condizioni (l’ambiente deve poter essere definito ‘moderato’ e alcuni parametri ambientali e quantità soggettive devono essere all’interno di specifici intervalli di applicabilità), effettuate le misure ed eseguito il calcolo del indice PMV ed eventualmente di uno o più degli indici di discomfort locale, “affinché l’ambiente possa ritenersi ‘confortevole’, secondo la UNI EN ISO 7730, è necessario che siano rispettati opportuni valori limite”.

In particolare si indica che la norma UNI EN ISO 7730 “contiene valori limite di accettabilità sia per l’ indice PMV di comfort globale sia per i quattro indici di discomfort locale”.

Limiti di accettabilità per il comfort termico-igrometrico

Limiti di accettabilità per il comfort termico-igrometrico

Studio Bini enginerering srl sottolinea a questo proposito, nel documento viene successivamente presentata, per un’idonea valutazione del rischio microclimatico, una specifica proposta di metodo di classificazione.

Ultime notizie

ADR 2019: novità per il trasporto di merci pericolose

ADR 2019: novità per il trasporto di merci pericolose

A due anni di distanza dall’ultima modifica, anche nel 2019 la disciplina sull’ADR ha subito alcune modifiche: fra queste le più significative riguardano le responsabilità del trasportatore, la nomina del consulente per la sicurezza, la classificazione di pericolo degli oggetti contenenti merci pericolose, le batterie e le materie con codici cisterna con il segno (+).

Leggi tutto...

RAEE e AEE: novità procedurali per raccolta e trasporto

RAEE e AEE: novità procedurali per raccolta e trasporto

L’Albo nazionale gestori ambientali (ANGA) ha deciso di sostituire l’elenco delle tipologie di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) che le imprese possono raccogliere e trasportare in procedura semplificata: lo scorso 9 marzo 2019, infatti, è entrata in vigore la delibera n. 2/2019 dell’Albo nazionale gestori del 6 febbraio 2019, che sostituisce l’elenco delle tipologie di RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) trasportabili in procedura semplificata.

Leggi tutto...

La sicurezza in una prospettiva di genere: uomini e donne sono uguali?

La sicurezza in una prospettiva di genere: uomini e donne sono uguali?

La gestione della salute e sicurezza sul lavoro in relazione alle differenze di genere, deve essere colta come una preziosa opportunità per una riflessione su cambiamenti di modelli organizzativi e, ancora prima, culturali per migliorare consolidate prassi discriminatorie che spesso pongono in una condizione di debolezza le donne lavoratrici.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti