Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Attenzione agli infestanti dei magazzini alimentari

Attenzione agli infestanti dei magazzini alimentari

La normativa obbliga tutte le imprese del settore alimentare al monitoraggio ovvero occorre predisporre procedure adeguate per controllare gli animali infestanti e per impedire agli animali domestici di accedere ai luoghi dove gli alimenti sono preparati, trattati o conservati (Reg. Ce 852/2004).

Quanto sopra è ancora più necessario ed evidente nella stagione calda, quando le temperature e le condizioni ambientali favorevoli consentono sviluppo e proliferazione degli agenti di infestazione. Vediamo alcuni esempi che interessano particolarmente il deposito ed in generale il magazzinaggio di alimenti.

La Calandra del Grano (Sitophilus granarius)

E’ questa una infestazione particolarmente diffusa, che può interessare anche alimenti confezionati (es. pasta secca).

La femmina rosica il seme creandovi un piccolo buco in cui depone le uova che poi sigilla con un materiale gelatinoso. Lo sviluppo larvale dura 57-71 giorni, durante i quali è indispensabile effettuare azioni di prevenzione come:

  • mantenere sollevati gli alimenti rispetto al suolo (pedane, scaffalature) e distanziati dai muri
  • ispezionare pacchi e imballaggi all'acquisizione e periodicamente dopo averli depositati in magazzino
  • pulire costantemente gli ambienti destinati a magazzinaggio, rimuovendo polveri e materiali impropri

Come eliminare i punteruoli del grano in presenza di infestazione:

  • Eliminate tutti gli alimenti infestati. Ispezionate gli alimenti in modo accurato. Sbarazzatevi di tutto ciò che può essere stato contaminato e conservate in barattoli di vetro gli alimenti superstiti
  • Sigillate qualsiasi crepa, buco o fessura presente nella dispensa e/o magazzino
  • Controllate quotidianamente la ricomparsa così da essere certi di averli eliminati completamente
  • Posizionate e controllate specifiche trappole

Tutti i rifiuti e contenitori/imballaggi dovranno essere eliminati in caso di infestazione (non vanno lasciati nei locali), compresi ovviamente gli alimenti infestati.

Scarafaggi

Gli scarafaggi sono tra i parassiti più pericolosi per la salute delle persone. Se presenti in cucina c’è il rischio che possano contaminare gli elettrodomestici come lavastoviglie e fornelli, stoviglie ma soprattutto il cibo e quindi trasmettere malattie. Attraverso le feci, la saliva e la muta gli scarafaggi possono causare gravi reazioni allergiche, eczema e asma negli esseri umani.

A causa delle loro abitudini alimentari insalubri, gli scarafaggi possono trasmettere agenti patogeni nocivi attraverso i loro escrementi.

Quando uno scarafaggio si nutre di sostanze contaminate, come ad esempio un pezzo di pollo crudo o feci di animali, l’organismo entra e rimane in sospeso nel suo sistema digestivo. L’agente patogeno sarà poi espulso negli escrementi dello scarafaggio e contaminerà superfici e alimenti.

Prevenzione innanzitutto: il modo più efficace per evitare che gli scarafaggi diffondano le malattie in azienda è quello di ridurre al possibilità di questi insetti di entrare nei locali dello stabile.

È possibile prevenire il rischio (nella foto Periplaneta americana) con:

  • pratiche di pulizia accurata
  • sigillando crepe e fessure, con trollando che le porte non abbiano luce o discontinuità rispetto alla pavimentazione
  • effettuando accurato monitoraggio, se necessario anche mediante trappole specifiche

inoltre:

  • conservare i cibi solo in contenitori o sacchetti sigillati
  • rimuovere subito i residui di cibo o rifiuti alimentari
  • rimuovere i residui di cibo sotto mobili e frigoriferi
  • lavare i piatti sporchi e pentole dopo l’uso
  • non lasciare in giro lavanderia sporca
  • durante la notte non lasciare l’acqua nel lavandino o in eventuali contenitori come secchi

In presenza di infestazione:

  • eliminare gli alimenti coinvolti
  • eliminare tutti gli imballaggi e rifiuti
  • sanificare approfonditamente i locali interessati
  • valutare e procedere con un intervento di disinfestazione

Tignola grigia della farina (Ephesia kuehniella)

La tignola grigia della farina è un insetto termofilo. Insieme alla tignola fasciata (Plodia interpunctella) è la specie più comune e diffusa di lepidottero che infesta le scorte alimentari in casa e nelle fabbriche alimentari.

Le tignole si nutrono di frutta secca, noci e nocciole, mandorle, cioccolato, ma anche di cereali e prodotti cerealicoli, di piante aromatiche e di semi.

Si ricorda che gli insetti adulti, non potendo penetrare direttamente all’interno delle confezioni, possono deporre le uova su piccoli residui alimentari (p. es. accumuli di farina, semi o briciole, negli angoli dei magazzini o dei ripiani) mentre le larve che nascono sono invece in grado di forare, con le loro mandibole, sia cartone sia plastica.

Una cosa che non tutti sanno è che questi insetti possono essere già presenti nelle confezioni sigillate sugli scaffali di negozi e supermercati, per cui la prima cosa è fare attenzione al momento dell’acquisto che gli imballaggi non contengano piccoli fori e che il prodotto non presenti grumi, impurità e filamenti.

Prevenzione: controllo delle merci in entrata: evitare di immagazzinare prodotti con confezioni rotte o evidentemente contaminate.

  • Pulizia dei locali ed attrezzature; verificare tutte le possibili fonti di infestazione presenti, ove si possano annidare le tignole: oggetti decorativi con spighe e fiori ornamentali, frutta secca, soprattutto noci e arachidi, accumuli di residui alimentari che si depositano dietro o tra le attrezzature o i mobili
  • Trattamenti periodici su mezzi di trasporto
  • Lotta con trappole a feromoni, nel caso di tignole adulte. Il mercato mette a disposizione differenti tipi di trappole a feromoni specifiche per i diversi tipi di parassiti. La trappola non è altro che un emanatore di “profumo” (il feromone, specifico per ciascuna specie) che viene posizionato su una superficie collante. I maschi verranno attratti dal “profumo” e resteranno invischiati sul collante
  • Riduzione dei tempi di stoccaggio. Considerato che lo sviluppo delle tignole, dallo stato di uova, richiede qualche settimana o mese o fondamentale ruotare la merce a magazzino molto velocemente
  • Conservare i prodotti in ambienti con bassa umidità ed a temperatura controllata, ben al di sotto della soglia ottimale di riproduzione e sviluppo dei parassiti. È evidente che più bassa è la temperatura di stoccaggio più lungo è il periodo di schiusura della uova e quindi la formazione della larva/crisalide/tignola adulta

In presenza di grave infestazione:

  • eliminare gli alimenti coinvolti
  • eliminare tutti gli imballaggi e rifiuti
  • sanificare approfonditamente i locali interessati
  • valutare e procedere con un intervento di disinfestazione

Saturno Laboratorio è a vostra disposizione per effettuare il servizio di monitoraggio ambientale, al fine di preservare i vostri prodotti da questi infestanti.

Ultime notizie

Decreto Rilancio approvato dal governo: ecco tutte le novità

Decreto Rilancio approvato dal governo: ecco tutte le novità

Il Decreto Rilancio ha ricevuto il via libera dal Consiglio dei Ministri, ed è già stato annunciato in un lungo comunicato stampa del Presidente Conte.

Leggi tutto...

Covid-19 e protocollo aziendale CNCPT anti-contagio

Covid-19 e protocollo aziendale CNCPT anti-contagio

Il Protocollo per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, punta a prevenire il contagio da Covid in cantiere.

Leggi tutto...

Nuove norme antincendio per impianti termici, nuovi e già esistenti

Nuove norme antincendio per impianti termici, nuovi e già esistenti

La nuova regola tecnica si applica agli impianti di nuova realizzazione e a quelli esistenti alla data di emanazione del decreto.

Leggi tutto...

Per maggiori informazioni o per conoscere in che modo possiamo aiutarti

Contattaci adesso!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti