Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Credito d'imposta Transizione 5.0: cos'è e come presentare la domanda
Credito d'imposta Transizione 5.0: cos'è e come presentare la domanda

Credito d'imposta Transizione 5.0: cos'è e come presentare la domanda

Il credito d'imposta Transizione 5.0 è una misura contenuta nell'art. 38 del Decreto n. 19/2024, integrata con ulteriori precisazioni introdotte con il DL n. 39/2024. Questo incentivo è stato creato per promuovere l'innovazione nelle imprese italiane, riducendo i consumi energetici e favorendo la transizione verso tecnologie più efficienti.

Il contributo, sotto forma di credito d'imposta, è destinato a tutte le imprese residenti in Italia che effettuano nuovi investimenti in strutture produttive nel territorio nazionale tra il 1° gennaio 2024 e il 31 dicembre 2025. I progetti di innovazione devono prevedere una riduzione dei consumi energetici della struttura produttiva non inferiore al 3%, o dei processi interessati non inferiore al 5%.

Diagnosi Energetica con Studio Bini Engineering

Studio Bini Engineering effettua la diagnosi energetica per valutare le migliori soluzioni e poter così ottenere il credito d'imposta 5.0. Questa analisi è fondamentale per determinare le aree di miglioramento e massimizzare i benefici fiscali.

Conclusione

Per le imprese italiane, il credito d'imposta Transizione 5.0 rappresenta un'opportunità unica per innovare e risparmiare sui costi energetici. Con il supporto di professionisti come Studio Bini Engineering, è possibile navigare le complessità normative e ottenere il massimo dall'incentivo.

Chi sono gli esclusi dal Credito d'Imposta Transizione 5.0?

Il credito d'imposta Transizione 5.0 offre significativi benefici fiscali, ma non tutte le imprese possono accedervi. Le regole di esclusione sono dettagliate nella normativa e sono cruciali per garantire un uso corretto ed efficace delle risorse.

Sono escluse dall'agevolazione le imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo senza continuità aziendale, o sottoposte ad altre procedure concorsuali. Inoltre, sono escluse le imprese destinatarie di sanzioni interdittive ai sensi delle norme sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche.

Come annunciato dal Ministro Urso durante il question time del 29 maggio, uno dei motivi del ritardo nella pubblicazione delle regole attuative è stata la volontà di includere anche le imprese energivore, inizialmente escluse.

Comprendere chi è escluso dal credito d'imposta Transizione 5.0 è fondamentale per evitare investimenti non eleggibili. Con la consulenza di esperti come Studio Bini Engineering, le imprese possono navigare queste regole complesse e massimizzare i loro benefici.

Diagnosi Energetica con Studio Bini Engineering

Studio Bini Engineering effettua la diagnosi energetica per valutare le migliori soluzioni e poter così ottenere il credito d'imposta 5.0. Questa diagnosi aiuta le imprese a determinare la loro eleggibilità e a pianificare investimenti adeguati.

Misura della agevolazione del Credito d'Imposta Transizione 5.0

Il credito d'imposta Transizione 5.0 offre diversi livelli di agevolazione, a seconda della riduzione dei consumi energetici ottenuta e dell'importo degli investimenti effettuati.

Dettagli delle Agevolazioni

Il beneficio fiscale varia in base alla riduzione dei consumi energetici:

  • 35% del costo per investimenti fino a 2,5 milioni di euro con una riduzione dei consumi energetici non inferiore al 3%.
  • 40% del costo per investimenti fino a 2,5 milioni di euro con una riduzione dei consumi energetici superiore al 6%.
  • 45% del costo per investimenti fino a 2,5 milioni di euro con una riduzione dei consumi energetici superiore al 10%.

Benefici Aggiuntivi

Il beneficio può essere aumentato di 10.000 euro per le PMI per spese di certificazione e di 5.000 euro per soggetti non obbligati per legge alla revisione legale dei conti.

Il credito d'imposta Transizione 5.0 è una grande opportunità per le imprese di investire in efficienza energetica. Con il supporto di Studio Bini Engineering, è possibile pianificare gli investimenti in modo da ottenere il massimo beneficio fiscale.

Diagnosi Energetica con Studio Bini Engineering

Studio Bini Engineering effettua la diagnosi energetica per valutare le migliori soluzioni e poter così ottenere il credito d'imposta 5.0. Questa analisi permette di quantificare i benefici fiscali in base agli investimenti e alle riduzioni di consumo.

Come presentare la domanda per il Credito d'Imposta Transizione 5.0

Per accedere al credito d'imposta Transizione 5.0, le imprese devono seguire una procedura specifica, che include la presentazione di una comunicazione preventiva e periodiche comunicazioni di avanzamento.

Procedura di Presentazione

L'impresa deve trasmettere una comunicazione preventiva con informazioni sul beneficiario, il progetto di innovazione, gli investimenti agevolabili, l'importo del credito d'imposta potenzialmente spettante e l'impegno a rispettare gli obblighi previsti.

Verifica e Comunicazione del GSE

Il GSE verifica il corretto caricamento dei dati e la completezza dei documenti, comunicando entro 5 giorni l'importo del credito d'imposta prenotato. Se la documentazione è incompleta, l'impresa ha 10 giorni per integrare i dati mancanti.

Diagnosi Energetica con Studio Bini Engineering

Studio Bini Engineering effettua la diagnosi energetica per valutare le migliori soluzioni e poter così ottenere il credito d'imposta 5.0. Questa diagnosi è essenziale per preparare una domanda accurata e completa.

Conclusione

Presentare correttamente la domanda per il credito d'imposta Transizione 5.0 richiede attenzione ai dettagli e una conoscenza approfondita delle regole. Con l'assistenza di Studio Bini Engineering, le imprese possono assicurarsi di seguire tutti i passaggi necessari per ottenere il massimo beneficio.

Vuoi essere informato sulle ultime novità o ricevere in anteprima offerte e promozioni?

Iscriviti alla newsletter!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti