Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

  • Home
  • News
  • Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM
Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM

Assegno di inclusione 2024: pagamenti di marzo e modello ADI-COM

Con il messaggio 1090 del 14 marzo 2024, l'INPS rende noto le ultime aggiornamenti riguardanti l'Assegno di Inclusione (ADI), focalizzato sul supporto alle famiglie economicamente svantaggiate con anziani e disabili a carico.

Vengono specificate in particolare:

  • I primi pagamenti dell'ADI avranno luogo il 15 marzo, destinati ai richiedenti che hanno presentato la domanda entro il mese di febbraio.;
  • Per una panoramica completa delle regole, degli importi e del calendario dei pagamenti relativi all'Assegno di Inclusione 2024, si rimanda alla specifica documentazione;
  • Nel messaggio, vengono dettagliate le date e le modalità di pagamento per il mese di marzo 2024 per coloro che hanno effettuato la richiesta di ADI entro il mese di febbraio;
  • Si specificano altresì le modalità di utilizzo della carta ADI per il pagamento delle rate di mutuo;
  • Infine, si evidenzia l'importanza della comunicazione di eventuali rapporti di lavoro e altre variazioni del nucleo familiare attraverso l'impiego del modello ADI-COM Esteso;

1) Pagamenti di Marzo 2024 per l’ADI

I pagamenti dell'Assegno di Inclusione (ADI) per i nuclei familiari che hanno presentato domanda entro febbraio 2024, con esito positivo e che hanno firmato il Patto di Attivazione Digitale, saranno avviati a partire dal 15 marzo.

I nuclei familiari beneficiari riceveranno la comunicazione tramite SMS o email, con l'invito a recarsi presso gli uffici postali per il ritiro della Carta di Inclusione.

Per i nuclei familiari che hanno già ricevuto i pagamenti nei mesi precedenti, la data di pagamento sarà fissata per il 27 marzo.

Si sottolinea l'importanza di verificare la presenza dell'ISEE 2024 nei rinnovi del mese di marzo. In caso di assenza, la prestazione verrà sospesa.

2) Modello ADI-Com Esteso per le Variazioni: Avvio il 18 Marzo

Dal 18 marzo, ciascun componente maggiorenne del nucleo familiare che fruisce dell'ADI potrà usufruire del modello ADI-Com Esteso, disponibile sul sito dell'INPS, per le comunicazioni obbligatorie durante l'erogazione dell'ADI.

Comunicazioni Obbligatorie

Si ricorda che è obbligatorio comunicare:

  • L'avvio di attività lavorativa.
  • Variazioni relative ad uno componente del nucleo (es. residenza in strutture a totale carico pubblico, sentenze di condanna, proroga del programma di cura).
  • Variazioni delle dichiarazioni in relazione al patrimonio, possesso di beni durevoli, residenza continuativa in Italia.
  • Richiesta di individualizzazione della carta di inclusione, se non già effettuata.
  • Modifica dei componenti familiari con carichi di cura.

Dettagli sulle Comunicazioni

L'istituto evidenzia che:

  • Per le comunicazioni di avvio di attività lavorativa è richiesta l'indicazione del reddito previsto nell'anno.
  • Il reddito indicato concorre solo per la parte eccedente 3.000 euro annui lordi fino a quando non è recepito nell'ISEE.
  • Nel caso di contratti a tempo determinato, l'erogazione del beneficio verrà sospesa fino alla scadenza contrattuale comunicata dal datore di lavoro, entro sei mensilità.
  • In caso di durata contrattuale superiore alle sei mensilità, il rapporto di lavoro sarà considerato come rapporto dipendente e dovrà essere comunicato il reddito presunto tramite il modello ADI-Com Esteso.

3) Abilitazione delle Carte di Inclusione per il Mutuo

Il messaggio conclude ricordando che entro il mese di marzo saranno avviate le verifiche sull'ISEE per individuare la presenza di un mutuo per l'abitazione principale, sia sulle nuove domande che su quelle già presentate. Questo processo è finalizzato all'abilitazione delle carte di inclusione per l'effettuazione dei bonifici delle rate relative al mutuo.

Nel caso in cui i nuclei familiari abbiano richiesto l'individualizzazione delle carte di inclusione, si precisa che l'abilitazione all'effettuazione dei bonifici sarà estesa a tutti i titolari della carta.

Conclusione

È importante tenere presente queste disposizioni per garantire una corretta gestione delle carte di inclusione e assicurare un flusso regolare dei bonifici relativi alle rate del mutuo. La collaborazione nell'adempiere a tali verifiche contribuisce a una gestione ottimale delle risorse destinate all'assistenza abitativa.

FONTE: https://www.fiscoetasse.com/new-rassegna-stampa/174-assegno-inclusione-2024-pagamenti-marzo-e-modello-adi-com.html

 

Vuoi essere informato sulle ultime novità o ricevere in anteprima offerte e promozioni?

Iscriviti alla newsletter!

Tel: 0332 604300 - E-mail: engineering@gruppobini.it - WhatsApp: 334 1145838

Studio Bini Engineering - P. IVA 02712760129 - Via per Caravate, 1 - 21036 - Gemonio (VA)

Informativa privacy  |  Area riservata  |  Contatti